Microsoft fa profitti per 260 miliardi in Europa, senza pagare un euro di tasse

La notizia data dal Guardian è destinata a rinfocolare le polemiche sull’Unione Europea: Microsoft nel corso del 2020 ha collezionato profitti per 260 miliardi di euro nell’eurozona, senza dover sborsare un solo centesimo di tasse. E, naturalmente, a fronte di questo dato molte imprese, ad esempio quelle del nostro Paese, potranno operare immediatamente il raffronto con il regime fiscale cui devono sottoporsi. Senza contare i piccoli commercianti additati in continuazione come evasori fiscali e responsabili di buchi nel bilancio statale che possono essere considerati assolutamente trascurabili rispetto a quelli provocati dalle grandi imprese come quella fondata da Bill Gates.
L’artificio che consente tutto ciò è da individuare nella filiale irlandese di Microsoft, che ai soli fini fiscali, è domiciliata alle Bermuda. Ovvero uno dei tanti paradisi fiscali collegati alla Gran Bretagna, ove non esistono tasse sui profitti societari. E che è per questo utilizzata anche dalla filiale di Google titolare di tutte le licenze software del gruppo, che poi vengono “cedute” alle varie divisioni generando pagamenti infragruppo e spostando così alle Bermuda i profitti. Che, nel caso di Microsoft, se fossero stati pagati in Irlanda, ove l’aliquota è pari al 12,5%, avrebbero generato 32,5 miliardi di euro di tasse.
Una vera e propria beffa, considerato come lo stesso Bill Gates si proclami fautore di una maggiore tassazione a carico dei ricchi, cui soltanto ora si cerca di porre rimedio.
Proprio l’Europa, però, ha già fatto sapere di ritenere troppo alta l’aliquota globale del 21% proposta da Joe Biden, da applicare ai profitti delle multinazionali. Meglio spremere più possibile lavoratori e piccole imprese che non hanno la possibilità di aprire una filiale in uno dei tanti paradisi fiscali presenti lungo il territorio europeo, probabilmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *